La lingua giapponese: tra poesia e ambiguità [a cura di Federica Bruniera]

Words in Wonderland

Del perché ho scelto di avvicinarmi al giapponese

Il 90% delle persone, quando scopre che parlo e traduco dal giapponese, mi chiede “perché hai scelto proprio il giapponese?” No, i cartoni animati non c’entrano. Chiamatemi masochista, ma per me tutto è iniziato dalla scrittura. Quei caratteri, fitti senza spazi sulla pagina, erano come un labirinto in cui il mio sguardo continuava a perdersi, tra un tratto rigido e austero e uno curvo e armonioso, quelle forme raccontavano una storia a me incomprensibile e per questo straordinariamente affascinante. Nella mia mente erano storie bellissime dalle possibilità infinite, parlavano di paesaggi lontanissimi, di persone estranee, di una culturamisteriosa ed enigmatica tutta da scoprire. Evocavano immagini di templi, ciliegi, foreste di bambù, samurai e geishe… Da lì, è stato un salto nel buio. Una scommessa coraggiosa? Una sfida con me stessa? Una fortunata intuizione? Con l’incoscienza che mi…

View original post 573 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...